Aquaticrunner 2018: ogni gara è un intreccio di storie

AquaticrunnerfinisherQuesto post potrebbe essere un inno all’epica e all’eroismo di chi disputa l’aquaticrunner.
Oppure potrebbe essere semplice egocentrismo.

Ma non sarà nulla di tutto questo.

Quando leggo di imprese sportive compiute dagli amatori, da sportivo amatore comprendo i toni spesso sensazionalistici tipo “realizzato il nuovo record del mondo” o “armageddon oggi!”.

Ma come pare sia assodato, siamo tutti diversi e ci sarà sempre qualcuno che non capirà una acca di quanto scrivamo.
Tendenzialmente poi ci riempirà di insulti.

E poi niente è più relativo di una impresa sportiva.

Aver completato una corsa di 21km per alcuni è l’obiettivo della vita, per altri è una banalissima sessione di allenamento.

Peggio, lo stesso valore cambia nel tempo.
Quando feci i miei primi 21km ero distrutto e felice. Ora sono solo distrutto. Peerchè non sono felice? Perchè è una distanza che copro spesso e quindi è diventata una abitudine.

E’ qui vi parlo dell’Aquaticrunner.

 

Una gara in cui si parte da Grado e si arriva a Lignano attraversando mari e spiaggia.

 

Si corre e si nuota per 32 km.

 

Chi l’ha fatta sa che è dura, chi non l’ha fatta probabilmente non si rende conto del tipo di attività.

Ma non cerco l’approvazione, ne’ chiedo di farmi sentire un eroe. Mi limiterò a dire che l’ho conclusa e che la rifarei.

In questo post  vorrei parlarvi di una storia, anzi di mille storie. Dove mille è una iperbole e dove le storie sono solo anticipate. Se fossi uno scrittore potrei anche farne un libro, ma ho troppo rispetto dell’arte di scrivere.

E siccome si parla di storie, ogni riferimento a cose e persone qui è vero.

READ  Aziende che ci piacciono: Swims

Vedete, ogni gara è un intreccio di storie.

  • C’è il suo ideatore, che lavora un anno prima per ogni edizione,  lotta contro la burocrazia, ma alla fine supera ogni difficoltà totalizzando la settimana della gara 5 ore di sonno in 5 giorni.
  • C’è il veterano che ha corso 5 edizioni e che si misura anno dopo anno contro se stesso e gli anni. Vincendo almeno nella propria categoria.
  • C’è il campione del mondo che pur essendosi ritirato dal professionismo dimostra a tutti che è ancora pronto a graffiare.
  • C’è il gruppo di amici che fa parte della stessa squadra e si allenano insieme. Quando è il momento della gara, individuale, loro cosa fanno, corrono e lasciano indietro il compagno che è in giornata no? Giammai! Lo aspettano.
  • C’è la ragazza che corre pur essendo indisposta (eh si, si vedeva), ma non si tira indietro e arriva al traguardo.
  • C’è il banditore che carica tutti a molla e lo fa per il primo arrivato e per l’ultimo con lo stesso entusiasmo.
  • C’è il padre di famiglia che incastra la gara con altri mille impegni sfidando un ambiente familiare che lo ama ma che è pronto a condannarlo.
  • E poi c’è quel corridore che ha disputato le prime edizioni, poi è stato chiamato in cielo e pur non essendoci fisicamente, c’è con lo spirito grazie alla memoria degli amici e dei compagni di squadra.

Ecco perchè ogni gara non è solo competizione, lotta e sacrificio.
E’ anche un momento straordinario in cui si può ammirare il meglio e il peggio di tutti noi, perchè vedete, specialmente nelle gare di resistenza, la fatica ci toglie tutte le convenzioni, tutte le sovrastrutture psicologiche e alla fine ci lascia solo la nostra essenza.

READ  Archivio fotografico di Life su Google

E’ per questo che vi consiglio di arrivare al limite almeno una volta nella vita. Imparerete tantissimo su di voi