Se 100 milioni di caffè fossero….

Avete mai sentito parlare di economia circolare?
Semplificando al massimo il concetto si tratta di “rimettere in campo” i materiali già utilizzati in precedenza per avviare nuovi cicli produttivi.
L’obiettivo è ridurre al massimo lo spreco aiutando l’ambiente e magari l’impresa.
Un esempio che cito sempre è quello di una azienda che produce scarpe da running e che supporta una organizzazione che raccoglie la plastica in mare.
Con la plastica raccolta, quell’azienda produce nuove scarpe che poi rimetterà in vendita.
Ci guadagna l’azienda, ci guadagna l’ambiente, ci guadagna il consumatore che può spendere i propri soldi per un oggetto “amico dell’ambiente

 

Per noi italiani, il concetto di economia circolare è praticamente radicato nel DNA.
Non tanto i baby boomers ma i nostri nonni o bisnonni hanno fatto del riciclo uno stile di vita. E poi è risaputo che noi italiani siamo i geni che sanno sempre arrangiarsi.


Con l’economia moderna e lo sviluppo del consumismo il concetto di economia circolare è andato perduto fino a quando, grazie anche all’evoluzione tecnologica e alla evidente emergenza ambientale, è stato possibile ripensare i cicli produttivi.

Prendiamo il caffè. Forse fra di voi qualcuno userà i fondi per il concime o come substrato per i funghi. Ma cosa succede quando, solo in Italia, una azienda eroga 100 milioni di tazzine l’anno?

Ed ecco la risposta. Il buon senso, la tecnologia e l’attenzione per l’ambiente hanno fatto decollare il progetto WASCOFFEE®.

WASCOFFEE® è un materiale realizzato con fondi di caffè e polvere di legno (semplificando: segatura) e se vogliamo è anche l’uovo di colombo.

Che dimensione avrà un cumulo fatto di 100 milioni di fondi di caffè? Una collina, una montagna? Sicuramente qualcosa di molto voluminoso.
Autogrill, anzichè buttare 100 milioni di fondi di caffè li riutilizza per farli diventare tavolini, e pannelli a parete. Insomma per arredare il locale.

Il progetto è già realtà ed è visibile nel Puro Gusto, il format di bar all’interno dell’aeroporto di Milano Linate.
Ho assistito all’evento di presentazione e ho avuto modo di toccare con mano i pannelli.

 

WASCOFFEE® è un brevetto Autogrill frutto di una collaborazione con CMF greentech, una azienda italiana specializzata nella creazione di prodotti ecosostenibili.

Oltre che a Milano Linate, WASCOFFEE® è attualmente presente in alcuni  Puro Gusto e Bistrot del gruppo, per un totale di 6 punti. Tra questi anche un punto vendita in Turchia (all’aeroporto di Istambul) e il  Bistrot di Lione in Francia (adoro questi suggerimenti da globetrotter). Naturalmente si prevede un suo impiego progressivo in tutti i Puro Gusto del mondo. Già in calendario per esempio un suo impiego presso l’aeroporto di San Francisco.

Dunque ci troviamo di fronte ad un bellissimo caso di economia circolare dove le attività a sostegno del business sono inquadrate nel business dell’azienda.
Il progetto poi è ancora più bello perchè è targato “Made in Italy” . Una bella iniezione di ottimismo in un periodo sicuramente complesso come quello in cui stiamo vivendo oggi.WASCOFFEE®